Le fonti nel diritto dell’economia

di Fabrizio Maimeri -

Il lavoro inquadra nel sistema delle fonti quelle proprie del diritto dell’economia, caratterizzate da estrema frammentarietà, difficoltà nel misurarne la vincolatività, incertezze nell’inventariarle. In questo panorama si sono inserite le fonti di carattere comunitario e segnatamente le sentenze della corte di giustizia della UE, sia nella logica di giudice dei provvedimenti della Commissione, sia nella logica di interprete dei provvedimenti comunitari e, dunque, delle norme interne di recepimento. La “sentenza TERCAS” e la “sentenza Lexitor” costituiscono gli esempi esaminati. Se ne trae la necessità, per il versante comunitario, di aggiustamento normativo per evitare conseguenze dirompenti sull’ordinamento UE e sulla sua ordinata applicazione; per il versante nazionale, di pervenire, con l’introduzione di qualche principio ordinatore certo, a una qualche sistemazione delle varie fonti, per non reprimere il “diritto vivente”, ma per evitare che abbia effetti dirompenti sull’equilibrio dei poteri.

* * *

The work focuses in the system of sources those of economic law, characterized by extreme fragmentation, difficulty in measuring their binding nature, uncertainties in cataloging them. Community sources have been included in this panorama, and in particular the judgments of the EU Court of Justice, both in the logic of judge of the Commission’s measures, and in the logic of interpreter of Community measures and, therefore, of the internal transposition rules. The “TERCAS judgment” and the “Lexitor judgment” are the examples examined. From this there is a need, for the Community side, for regulatory adjustment to avoid disruptive consequences on the EU legal system and its orderly application; on the national side, to arrive at some sort of arrangement of the various sources, with the introduction of some certain ordering principle, in order not to repress the “living law”, but to avoid it having disruptive effects on the balance of powers.